All Posts tagged disturbo alimentare

SPORT: Timing e Alimentazione

SPORT: Timing e Alimentazione

La corretta alimentazione sia dei bambini sia degli adulti che praticano sport svolge un ruolo fondamentale nel garantire da una parte il benessere psico-fisico, dall’altra un modello sano per evitare errori nutrizionali figli di una conoscenza nata dall’espansione dei social network o dai consigli dell’esperto di turno.

More

I test per valutare le intolleranze alimentari: Vega, Elisa, Dria, Test ematici – Leucocitotossici, prime test

Vega
Valuta la resistenza elettrica cutanea in rapporto ai principi del bilancio bioenergetico dei punti di agopuntura descritti da Voll.

Elisa
E’ un principio immunoenzimatico IgG-mediato basato sulla metodica ELISA. Attraverso un prelievo di sangue, il test consente l’identificazione e il dosaggio di particolari anticorpi, le immunoglobuline G (IgG), prodotte nei confronti di determinati alimenti.
Il test rivela la presenza di allergie alimentari IgG-mediate.

More

Intolleranze alimentari: un fenomeno in aumento

Quello delle intolleranze alimentari è un argomento molto complesso e dibattuto. Quando un alimento (o una famiglia di alimenti) che mal tolleriamo entra in contatto con il nostro organismo, viene promossa una reazione immunitaria assai complessa che, a sua volta, genera uno stato infiammatorio. A soffrirne saranno quegli organi o quegli apparati che già si trovano in uno stato di limitazione funzionale, cioè in quei distretti in cui vi siano presenti disturbi o “debolezze” che non necessariamente siano clinicamente manifeste (es. bronchite cronica, affezioni dermatologiche ricorrenti, gastriti e/o coliti recidivanti ecc….). Questo spiega, almeno in parte, come in corso d’intolleranze alimentari la gamma dei sintomi possa essere estremamente varia. La rapida comparsa dei sintomi nelle allergie immediate rende facile individuare l’alimento che scatena la reazione, al contrario la sintomatologia ritardata, caratteristica delle intolleranze, rende più difficile individuare il cibo responsabile. Solamente l’1,4% della popolazione soffre di allergie alimentari immediatamente diagnosticate. La diagnosi presunta d’allergia alimentare si basa sulla anamnesi accurata con particolare riguardo alla storia familiare d’atopia, sulla dimostrazione degli anticorpi specifici in vitro (RAST) e sulla positività dei test cutanei (prick test o prick-to-prick method). Una quantità molto maggiore di persone, invece, accusa disturbi legati al consumo di alcuni alimenti anche se i test allergici sono negativi!. E’ stato stimato, infatti, che circa il 40% della popolazione sospetta di essere intollerante d alcuni cibi. Le intolleranze alimentari rappresentano un fenomeno in aumento, al punto che la ricerca scientifica dedica molte energie nella messa a punto di test affidabili che aiutino il Nutrizionista ad individuarle e curarle.

In altre parole le interferenze con il sistema immunitario possono essere all’origine di molte patologie. In particolare il continuo stimolo delle cellule dell’immunità porta alla formazione endogena di radicali liberi che danneggiano i tessuti con conseguenze anche gravi per lo stato di salute. Oltre a ciò la presenza di intolleranze può generare sintomi generici, non correlabili a patologie vere e proprie quali sovrappeso, facile affaticabilità, cefalea, difficoltà nella concentrazione. Lo stile di vita errato, soprattutto vita sedentaria, fumo e consumo di alcolici, porta all’insorgenza di disfunzioni gastro-intestinali (gastriti, coliti, stress…) che, a loro volta, sono “preparatorie” all’insorgenza delle intolleranze. Una alimentazione non congrua come consumo in eccesso di grassi animali, scarso apporto di frutta, verdura e pesce, assunzione in via continuativa di latticini (che sono presenti in numerosi preparati industriali) ed altri, può alla lunga generare una stato di irritazione dell’apparato digerente, condizione favorente la genesi delle intolleranze. È stato dimostrato da ripetute esperienze che la terapia farmacologica delle intolleranze da risultati solo parziali e mai definitivi (si interviene sul sintomo ma non sulla causa del disturbo). L’approccio dieto-terapico ha invece dato buoni risultati. Per capire come bisogna procedere correttamente è necessario chiarire alcuni aspetti:

  • la dieta deve essere gestita da specialisti accreditati
  • l’elaborazione della dieta deve essere secondaria alla valutazione clinica e ai risultati di test appropriati che evidenzino gli alimenti mal tollerati.
More